ALOE VERA: DA MILLENNI UN’ALLEATA DI BELLEZZA

12 Aprile 2019

L’Aloe vera non ha bisogno di presentazioni: le sue fantastiche proprietà sono già note a tutti e il suo fascino non smette mai di andare di moda!

L’Aloe vera è una pianta perenne, succulenta e dalle grandi foglie verdi composte al 99% di acqua e poi da circa 70 composti attivi interessanti come zuccheri, enzimi, vitamine, minerali e acidi grassi.

Quali sono i suoi principali impieghi? L’Aloe vera presenta differenti meccanismi d’azione a seconda di quali suoi attivi si scelga di prendere in analisi. Recenti studi hanno evidenziato una importante azione antinfiammatoria della pianta e, inoltre, la presenza di acido salicilico, fenoli, acido cinnamico e lupeolo va a conferirle un potere antisettico molto interessante. Alcuni dei suoi composti sono in grado di stimolare la sintesi del collagene e possiedono, perciò, un potere cicatrizzante, ottimo per contrastare gli effetti di ferite e smagliature. La sintesi di collagene ed elastina rende la pelle più elastica ed aiuta a prevenire gli effetti del tempo, andando a contrastare la formazione delle rughe
Questa sua particolare capacità, unita all’azione molto idratante del gel presente nelle foglie, ha garantito all’Aloe vera ad un successo millenario.
L’aloe è protagonista della linea viso per pelli normali e secche Bionova che comprende: 

Entrambi i prodotti contengono un’alta percentuale di gel contenuto nelle foglie di Aloe vera: lo trovate in INCI come Aloe barbadensis leaf juice*.

Storia e curiosita’

Il primo prodotto di cui si compone la linea è la crema viso è utile per idratare e nutrire la pelle del viso e del collo e può essere utilizzata ogni giorno, soprattutto nei momenti dell’anno in cui la cute appare secca e spenta.
L’Aloe vera è una specie botanica utilizzata fin dall’antichità come rimedio di bellezza e salute. La pianta prende il nome da una parola araba, Alloeh, che indica una sostanza brillante e traslucida e si riferisce al gel cristallino di cui sono ampiamente costituite le sue foglie. Il termine vera, invece, sta ad indicare la specie di appartenenza ed è sinonimo del nome botanico più appropriato Aloe barbadensis. Già 2000 anni fa, per gli scienziati Greci, l’Aloe rappresentava una panacea, capace di risolvere ogni problema. Per gli Egizi, invece, era la pianta dell’immortalità. Pensate che le celebri regine Nefertiti e Cleopatra erano solite comprendere l’Aloe vera nella loro routine di bellezza. 
Qualche secolo più tardi, Alessandro Magno la utilizzò per curare le ferite dei suoi soldati, data l’azione cicatrizzante che questa pianta esercita sulla cute.
Oggi l’Aloe vera viene impiegata nel settore alimentare, cosmetico e farmaceutico e la composizione chimica del gel e dei suoi tessuti è stata ampiamente studiata per comprenderne tutte le potenzialità.
Botanicamente, l’Aloe vera è una pianta appartenente alla sottofamiglia delle Asphodeloideae – comprendente anche varie specie di asfodelo e hawortia – e si pensa sia originaria della Penisola Arabica. Data la sua storia millenaria, e le numerose civiltà che ne hanno tratto beneficio, cresce ormai spontaneamente in Africa Settentrionale, Sudan e Spagna. Viene inoltre coltivata in tutto il mondo, dall’Australia all’Italia, dalla Repubblica Dominicana alla Cina. 

PRENDERSI CURA DEI PIEDI IN MODO NATURALE: SI PUO’!

18 Marzo 2019

Forse perché perennemente nascosti da calze e scarpe colorate, forse perché se ne parla sempre troppo poco, accade spesso che ai nostri piedi si riservi un interesse di gran lunga inferiore rispetto alle altre zone del corpo.
Eppure, i piedi ci conducono dove vogliamo e sostengono tutti i nostri passi durante il giorno: con questo articolo, scopriremo come prendercene cura grazie all’utilizzo dei nuovissimi prodotti Bionova della Linea Piedi!

A dispetto di quanto si creda, il piede è una struttura complessa meravigliosa; si tratta di un capolavoro di meccanica e anatomia che tendiamo sempre a sottovalutare.
Gli esseri umani ne possiedono ben due, ognuno dei quali formato da 26 ossa, decine di articolazioni e – addirittura – centinaia tra muscoli e legamenti! Questo intricato sistema di leve funziona in modo impeccabile e i piedi ci accompagnano ovunque, nel corso della nostra vita: passeggiano, corrono, sciano e nuotano, si alzano sulle punte ed accompagnano un tuffo estivo…
A causa di tutto questo loro gran daffare, accade spesso che i piedi presentino screpolature, microlesioni, ispessimenti della pelle e infezioni fungine. Si tratta dei più comuni disturbi cutanei che affliggono i piedi di tutte le età. 

Può anche succedere che la pelle della pianta del piede, glabra e già piuttosto compatta, si ispessisca più del dovuto in alcuni punti, quelli di maggiore pressione, oppure si inaridisca troppo e presenti fastidiose ferite soprattutto nella zona del tallone. Per evitare che accada tutto questo, sarebbe utile curare i propri piedi quotidianamente. Un lavaggio con acqua tiepida, l’asciugatura meticolosa e poi una buona idratazione manterrebbero la pelle sana e pronta ad affrontare anche le giornate più avventurose!

Oggi, attraverso questo articolo, vogliamo condividere con tutti voi le nuove proposte Bionova pensate per la cura dei piedi

La nuova linea piedi Bionova si compone di due prodotti specifici: lo scrub piedi e il balsamo piedi.
Sono pensati per essere utilizzati in combinazione, in modo da esfoliare dolcemente e nutrire la pelle in profondità. A rendere efficace questa linea, vi è la sinergia tra i due estratti vegetali principali presenti, il bambù e la menta piperita.
Il bambù, anche chiamato “oro verde”, è presente in INCI col nome Bambusavulgarisextract. Si tratta di una specie vegetale ricca di minerali che esercita un’azione tonificante e remineralizzante. Inoltre, è ricca di aminoacidi e vitamine e la sua azione rinfrescante è in grado di donare sollievo ai piedi stanchi. 
L’olio di menta piperita, in INCI come Mentha piperita oil, possiede numerose qualità ed è una delle piante officinali più utilizzate al mondo grazie alle sue proprietà antisettiche, purificanti e rinfrescanti. 

IL NOSTRO CONSIGLIO
La nostra routine di bellezza prevede tre step: prendete appunti!
Prima di tutto, procedete al lavaggio dei piedi utilizzando acqua tiepida e sapone delicato. Successivamente, applicate lo scrub e massaggiatelo su tutta la superficie dei piedi. La presenza dei granuli di pietra pomice renderà i vostri piedi lisci e levigati. 
Dopo aver asciugato la pelle in modo accurato, procedete all’utilizzo del balsamo. Questo prodotto è stato arricchito da numerosi oli e burri che nutriranno in profondità la pelle di piedi e talloni. 

L’ARGAN CHE NON SMETTE MAI DI STUPIRE!

6 Febbraio 2019

Argania spinosa sp.: è questo il nome della pianta di Argan. Specie botanica utilizzata fin dall’antichità, conosciuta in tutto il mondo per il pregiatissimo olio che si ottiene dalla spremitura dei suoi semi. Attraverso questo articolo andremo alla scoperta di ciò che spesso, dell’Argan, non si racconta. Impareremo a conoscere il deserto, da cui l’Argan proviene, e le meravigliose donne Berbere che quotidianamente ne lavorano i frutti. Scopriremo quali cosmetici è possibile ricavare dall’Argan e perché questo albero, dai rami tanto spinosi, continua a confermarsi un vero e proprio tesoro vegetale.

Alzi la mano chi non si è mai lasciato tentare dal claim “Olio di Argan” nella scelta di un cosmetico! Nessuno, vero? 
I colori ambrati delle confezioni e quella suadente sensazione di avere, tra le mani, un piccolo tesoro d’altri mondi non lascia scampo ad altre possibilità. L’Argan piace, piace tanto. 

L’Argania spinosa è una pianta endemica del Marocco. Più precisamente, gli arganeti sono diffusi nel Sud Est del Paese Nordafricano: circondati dall’Oceano Atlantico, dalle alte montagne dell’Atlante e dal deserto del Sahara che ne determina i confini di espansione. 

L’Argan viene coltivato soprattutto per i suoi frutti, bacche ovali delle dimensioni di una grossa oliva. Al loro interno si trova uno strato intermedio, molto duro, che funge da guscio per i preziosi semi. 

Ogni anno, le bacche di Argan vengono raccolte e poi lasciate essiccare durante gli assolati mesi estivi. Successivamente, il guscio interno viene aperto tramite l’utilizzo di mortai e piccole incudini e i semi vengono tenuti da parte per poi essere spremuti a freddo. Si tratta di un processo meticoloso che richiede concentrazione e forza: il seme dev’essere estratto con precisione chirurgica, altrimenti si rischia che venga schiacciato dal pestello e risulti non più utilizzabile.

A proposito di questo incredibile processo lavorativo abbiamo una storia di coraggio e determinazione da raccontarti: fino a qualche decennio fa, alla produzione di olio di Argan partecipavano soprattutto donne vedove oppure divorziate. Questo accadeva a causa di una visione della donna e del lavoro piuttosto conservativa da parte del popolo Berbero. L’olio veniva venduto a prezzi molto bassi in ogni angolo del Marocco e tutta la tradizione legata all’Argan non era affatto valorizzata. Col tempo, l’olio di Argan ha cominciato a diffondersi anche oltre i confini dell’Africa ed è divenuto una preziosa materia prima per i maggiori mercati mondiali, soprattutto per quanto riguarda il settore cosmetico. Questo ha fatto sì che aumentasse la domanda di olio di Argan ma soprattutto la curiosità verso la cultura Berbera.

In Marocco, nel corso degli anni, sono nate più di 150 cooperative femminili: organizzazioni guidate da donne berbere lavoratrici che, quotidianamente, si danno da fare perché il patrimonio culturale della lavorazione dell’Argan venga preservato nel tempo. Grazie a loro è progressivamente cambiato il ruolo della donna all’interno della comunità berbera. All’inizio non è stato affatto semplice convincere mariti e familiari ed è servito del tempo perché anche loro capissero l’importanza di un tale cambiamento culturale.
L’Argan ha assunto così, nel tempo, una duplice valenza: non solo materia prima, preziosa per l’economia locale, ma soprattutto mezzo di emancipazione per lavoratrici indipendenti marocchine. Evviva!

Dell’Argan si usa soprattutto l’olio ottenuto attraverso la spremitura a freddo dei suoi semi: in INCI, lo troviamo espresso dalla voce Argania spinosa kernel oil. L’olio di Argan possiede numerose proprietà benefiche poiché è ricco di acidi grassi insaturi (acido linoleico, acido oleico) e antiossidanti. 
Bionova utilizzato questo prezioso ingrediente per tutti i prodotti della linea corpo: il Bagnodoccia delicato, il Bagnodoccia emolliente che uniscono detergenza delicata e nutrimento, la Crema corpo fluida idratante e Balsamo corpo nutriente, che attraverso le proprietà emolliente e rassodante del prezioso olio di argan, favoriscono tono e idratazione di tutto il corpo e la crema mani idratante che ammorbidisce e apporta solievo alle mani secche e screpolate. L’olio di argan è protagonista anche del Siero viso contorno occhi che sfrutta le proprietà rigeneranti dell’argan per combattere la perdita di tono dei tessuti attorno alla zona oculare.

123